CRITTOGRAFIA NELL'ERA QUANTUM

La seguente rubrica mira ad approfondire le implicazioni che i recenti sviluppi nell’ambito del calcolo quantistico (Quantum Computing) possono avere sulla Crittografia, da sempre elemento cardine nel quadro delle competenze di Telsy.

La rubrica, a cura del Gruppo di Ricerca in Crittografia di Telsy, tratta il tema principalmente da due punti di vista. La prima sezione è dedicata alla descrizione dei fondamenti del calcolo quantistico e delle implicazioni crittografiche che ne derivano mentre la successiva è focalizzata su una possibile risposta a questa minaccia, ovvero la Post-Quantum Cryptography (PQC).

 

Quantum Computing

Il Quantum Computing

IL QUANTUM COMPUTING

Se da un lato si associa a fisica classica la scienza che affronta lo studio dei fenomeni naturali a livello macroscopico, con fisica quantistica si identifica la scienza che si occupa di comprendere i fenomeni microscopici.

Il premio Nobel per la fisica Richard Feynman è stato il primo a proporre un modello di calcolo basato su questi fenomeni microscopici dando origine al quantum computing.

Leggi l’articolo completo

Il qubit: introduzione agli algoritmi quantistici

IL QUBIT: INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI QUANTISTICI

Un computer quantistico è strutturalmente diverso da un computer classico.

L’elemento di maggior distinzione si identifica nella differente unità di informazione adottata da un processore quantistico: il qubit o bit quantistico.

Leggi l’articolo completo

L'algoritmo quantistico di Grover

L'ALGORITMO QUANTISTICO DI GROVER

Con l’articolo del 1996 “A fast quantum mechanical algorithm for database search”, l’informatico indiano-americano Lov K. Grover ha evidenziato le potenzialità del calcolo quantistico nell’ambito degli algoritmi di ricerca.

Tale contributo ha un impatto non trascurabile sulla crittografia oggi in uso.

Leggi l’articolo completo

L'algoritmo quantistico di Shor

L'ALGORITMO QUANTISTICO DI SHOR

Con l’articolo del 1995 “Polynomial-Time Algorithms for Prime Factorization and Discrete Logarithms on a Quantum Computer”, l’informatico statunitense Peter Shor ha descritto un algoritmo quantistico in grado di rompere lo schema RSA ed il protocollo Diffie-Hellman, fondamenta della maggior parte dei sistemi di comunicazione sicura oggi in uso.

Leggi l’articolo completo

Il qubit logico e la correzione degli errori quantistici

IL QUBIT LOGICO E LA CORREZIONE DEGLI ERRORI QUANTISTICI

Per comprendere le sfide legate alla realizzazione di un computer quantistico è necessario distinguere qubit fisico e qubit logico. All’interno di un processore quantistico, ciascun qubit fisico è un’entità instabile in corrispondenza con lo stato quantistico di un fenomeno microscopico.

Più qubit fisici vengono fatti interagire per stabilizzare un unico stato quantistico detto qubit logico.

Leggi l’articolo completo

Post-Quantum Cryptography

La crittografia post-quantum (PQC): una soluzione alla minaccia quantistica

LA CRITTOGRAFIA POST-QUANTUM (PQC): UNA SOLUZIONE ALLA MINACCIA QUANTISTICA

La Post-Quantum Cryptography (PQC) è una risposta classica all’avvento del calcolo quantistico.

Si occupa del design di schemi crittografici a chiave pubblica implementabili su elaboratori classici e resistenti anche ad attacchi di tipo quantistico.

Leggi l’articolo completo

La negoziazione della chiave nell'era post-quantum

La valutazione del NIST nell’ambito della crittografia Post-Quantum si è concentrata su meccanismi di scambio chiave crittografica con proprietà differenti da quelle garantite dal paradigma (pre-quantum) Diffie­ Hellman, detti Key Encapsulation Mechanisms (KEM).

Ciò fa sì che la transizione all’era post­ quantum non sia priva di ostacoli.

Leggi l’articolo completo

Gli algoritmi di firma digitale: presente e futuro

Gli schemi di firma digitale garantiscono all’informazione integrità, autenticità e non ripudio.

Quelli ad oggi maggiormente diffusi (EdDSA, ECDSA, RSA) sono vulnerabili agli attacchi di un computer quantistico, per questo motivo il NIST ha avviato un processo di standardizzazione di algoritmi di firma Post-Quantum.

Leggi l’articolo completo

Le funzioni one-way e trapdoor: il cuore della crittografia moderna

funzioni one-way e trapdoor Telsy TIMLe funzioni one-way sono funzioni matematiche facili da calcolare ma computazionalmente difficili da invertire e rappresentano oggi la base per costruire schemi crittografici asimmetrici sicuri, da RSA e Diffie-Hellman agli algoritmi di crittografia Post-quantum.

Leggi l’articolo completo

La matematica dietro la PQC: i reticoli

La matematica dietro la PQC: i reticoliI reticoli sono strutture matematiche sulle quali è possibile definire problemi computazionali ritenuti difficili anche per un computer quantistico e su cui si basa la sicurezza di numerosi schemi crittografici post-quantum facenti parte del processo di standardizzazione del NIST.

Leggi l’articolo completo

La matematica dietro la PQC: Learning With Errors

Oded Regev LWEIl Learning With Errors è un problema algebrico che si basa sull’idea di rendere difficile un sistema di equazioni random aggiungendo ad esso del rumore. Ritenuto un problema difficile da risolvere, è oggi la base della sicurezza di alcuni degli schemi standardizzati dal NIST appartenenti alla lattice-based cryptography.

Leggi l’articolo completo

 

CRYSTALS-Kyber: incapsulamento chiave basato su LWE

CRYSTALS-Kyber: incapsulamento chiave basato su LWE

Nel contesto del processo di standardizzazione del NIST per l’individuazione e l’analisi di soluzioni di Post-Quantum Cryptography (PQC), il primo esito cruciale è rappresentato dalla selezione del meccanismo di incapsulamento chiave (KEM) CRYSTALS-Kyber.
Kyber è uno schema crittografico a chiave pubblica che consente a due parti di derivare un segreto comune con cui proteggere lo scambio di informazione.

Leggi l’articolo completo

CRYSTALS-Dilithium: firma digitale basata su LWE

CRYSTALS-Dilithium: firma digitale basata su LWEIl primo degli schemi di firma digitale Post-Quantum selezionati dal NIST per la standardizzazione è CRYSTALS-Dilithium, basato sulla costruzione denominata “Fiat-Shamir with Aborts” introdotta nel 2009 dal matematico ucraino-statunitense Vadim Lyubashevsky.

Leggi l’articolo completo

 

Falcon: firma digitale basata su NTRU

Falcon firma digitale basata su NTRU_cover

Il secondo degli schemi di firma digitale Post-Quantum selezionati dal NIST per la standardizzazione è Falcon, basato sul framework GPV per la costruzione di firme “hash-and-sign” sui reticoli introdotto nel 2008 da Gentry, Peikert e Vaikuntanathan.

Leggi l’articolo completo

 

Nuove proposte di firme digitali post-quantum: la seconda competizione del NIST

Telsy - Nuove proposte di firme digitali post quantum la seconda competizione del NIST_cover

Con il termine del terzo round della competizione post-quantum e la successiva selezione degli algoritmi vincitori, il NIST aveva annunciato un quarto round al fine di differenziare le assunzioni di sicurezza degli schemi selezionati.
Tra gli schemi rimanenti, sono stati ritenuti ammissibili solo quelli relativi alla negoziazione chiave. Il NIST ha quindi ritenuto necessario avviare un nuovo processo focalizzato sulla selezione di firme digitali.

Leggi l’articolo completo

La matematica dietro la PQC: i codici

La matematica dietro la PQC i codici

I codici nascono nel contesto delle telecomunicazioni per individuare e correggere gli errori che possono verificarsi su un canale rumoroso, e su di essi oggi possono essere costruiti problemi computazionali difficili da risolvere anche per un computer quantistico, base di alcuni dei principali schemi di crittografia post-quantum.

Leggi l’articolo completo

La matematica dietro la PQC: Syndrome Decoding Problem

La matematica dietro la PQC Syndrome Decoding ProblemIl Syndrome Decoding Problem (SD) è il problema matematico che sta alla base dei crittosistemi McEliece (1978) e Niederreiter (1986) che hanno dato origine alla branca della crittografia post-quantum detta code-based cryptography.

Leggi l’articolo completo